RSA
CARTA DEI SERVIZI
villagiovannahospital.it
entile Ospite, nel ringraziarLa per aver scelto Villa Giovanna, Le diamo un cordiale benvenuto
nella Struttura, dove potrà usufruire dei nostri servizi contraddistinti da qualità, riservatezza e
G
tempestività. Le presentiamo adesso la nostra Carta dei Servizi, La legga con attenzione, essa
è uno strumento utile per scegliere con consapevolezza il servizio che meglio risponde alle Sue esigenze.
Il documento che sta leggendo è la nostra carta dei servizi di cui al DL 12 Maggio del 95 n. 163 convertito
dalla legge n. 273 del 11 Luglio 1995 che prevede l’adozione da parte di tutti da parte di tutti i soggetti
erogatori di servizi pubblici, anche operanti in regime di concessione o mediante convenzione.
È un documento ispirato agli articoli 3, 30, 33, 34 della Costituzione Italiana che sanciscono e tutelano il
rispetto dei principi di uguaglianza, imparzialità, tutela della dignità della persona, e che vietano ogni for-
ma di discriminazione basata sul sesso, sull’appartenenza etnica, sulle convinzioni religiose.
La Carta impegna tutti gli operatori e la struttura nel rispetto di tali principi. È lo strumento fondamentale
con il quale si attua il principio di trasparenza, attraverso l’esplicita dichiarazione dei diritti e dei doveri
sia del personale, sia degli utenti. Essa descrive finalità, modi, criteri e strutture attraverso cui i molteplici
servizi agli ospiti vengono erogati; presenta modalità e tempi di partecipazione; illustra le procedure di
controllo che l’utente ha a sua disposizione.
La nostra Carta dei servizi inoltre, sancisce l’impegno a considerare gli utenti non come “oggetti” passivi
del sevizio ma come soggetti dotati di dignità, capacità critica e facoltà di scelta, con i quali è di fonda-
mentale importanza l’instaurazione di un rapporto basato su trasparenza, comunicazione e partecipazione.
Nel ringraziarLa per il tempo dedicato alla lettura, le ricordiamo che siamo a sua completa disposizione per
qualsiasi ulteriore necessità ai recapiti riportati sul frontespizio del presente opuscolo.
INDICE:
Benvenuti in Villa Giovanna Srl
1.
PRESENTAZIONE DI VILLA GIOVANNA SRL
2.
DATI RIASSUNTIVI DELLA STRUTTURA
3.
INFORMAZIONI E DOMANDA DI INGRESSO
4.
VALORI
5.
PRINCIPI GENERALI
6.
STAFF E COMPETENZE
7.
DESTINATARI E CRITERI DI ELEGGIBILITA’
8.
ACCESSO IN RSA
9.
PROCEDURA D’ACCESSO
10.
LISTA D’ATTESA
11.
DOCUMENTI NECESSARI
12.
L’ACCOGLIENZA
13.
PERIODO DI INSERIMENTO
14.
SERVIZI PER I NOSTRI OSPITI
15.
PAI
16.
LA GIORNATA TIPO
17.
ASSISTENZA SANITARIA, FORNITURA FARMACI E PRESIDI
18.
ASSISTENZA MEDICA
19.
ASSISTENZA INFERMIERISTICA
20.
ASSISTENA ALLA PERSONA
21.
ATTIVITA’ DI RIABILITAZIONE
22.
SERVIZIO SOCIO-EDUCATIVO
23.
SERVIZIO PSICOLOGICO
24.
ALTRI SERVIZI
25.
SERVIZIO RISTORAZIONE
26.
SERVIZIO SANIFICAZIONE AMBIENTALE
27.
PARRUCCHIERE, BARBIERE ED ESTETISTA
28.
LAVANDERIA
29.
LUOGHI D’INCONTRO
30.
ORARI DI VISITA
31.
COME RAGGIUNGERCI
32.
TARIFFE E COSTI
33.
SERVIZI INCLUSI
34.
SERVIZI NON COMPRESI NELLA RETTA
35.
DIRITTI E DOVERI DEGLI OSPITI
36.
FAMILIARI E AMICI
37.
RESPONSABILITA’ DELLA STRUTTURA
38.
QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE
39.
RECLAMI, SUGGERIMENTI E APPREZZAMENTI
40.
GARANZIE DI QUALITA’
41.
INFORMAZIONI UTILI
42.
INQUADRAMENTO TERRITORIALE
1.
PRESENTAZIONE DELLA RSA VILLA GIOVANNA
Nel 2005 la Casa di Cura Sant’Anna con sede legale in Cassino (Fr) Via K. Herold, snc, leader nel settore
Sanitario e Socio-Assistenziale nel Lazio, Campania e Basilicata, viene autorizzata alla realizzazione di una
struttura sanitaria denominata “Villa Giovanna” nel comune di Tora e Piccilli (CE), attualmente la casa di cura
Villa Giovanna è autorizzata all’esercizio con Prot. 1693 del 07.06.2013 del comune di Tora e Piccilli e da
protocollo n.4030 del 25.06.2013 dalla Regione Campania ASL CE per:
attività di ambulatorio di emodialisi regime ambulatoriale ex ospedaliero con la dotazione di n.8
posti tecnici più 1 per contumaciale Accreditamento Istituzionale Con S.S.R. Di Strutture Sanitarie Private
N.20 Del 31.05.2010, ATTESTATO DI ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE n.6 del 30.04.2010
centro residenziale per cure palliative Hospice in regime residenziale in possesso dell’Accredita-
mento Istituzionale definitivo con il servizio regionale giusto decreto N.158 del 31.12.2012 per complessivi
14 posti letto, domiciliare con deliberazione n.950 del 02.07.2015
Speciale Unità di Accoglienza Permanente - SUAP con dotazione di n.14 posti letto
Autorizzazione alla realizzazione di 60 posti letto RSA adulti non autosufficienti non autosufficienti,
di cui 30 autorizzati all’esercizio con prot. n.3836 del 18.12.2015.
RSA unità di cura per adulti non autosufficienti- R3 per posti letto residenziali n. 30 in n. 2 moduli, già
autorizzata, chiede in data 02/04/2019, rilascio di accreditamento istituzionale.
L’attività della Società si integra nella rete di servizi presenti sul territorio mediante apposite convenzioni e
accordi con le Amministrazioni competenti in ottemperanza alle normative vigenti.
A queste attività si affiancano servizi di assistenza tutelare e alberghiera.
La Responsabilità della Struttura RSA VILLA GIOVANNA è affidata alla Dott.ssa Giada Piccolo Mo-
reschi, che ha nominato come Responsabile della RSA il Dott. Dino D’Errico.
Campanelli di chiamata di allarme in tutti i servizi igienici e per tutti i posti letto
Locale deposito biancheria sporca
Locale per vuotatoio e lavapadelle.
2.
DATI RIASSUNTIVI DELLA STRUTTURA
La RSA Villa Giovanna dispone di 30 posti letto suddivisi organizzati in 2 nuclei, uno di 20 posti letto e l’altro
di 10. Le camere della R.S.A. sono a due letti. Tutte con servizi in camera dotati di campanelli di emergenza,
doccia, aria condizionata e guardaroba personale per la sistemazione dei propri indumenti, ausili di sicurezza,
e predisposizione per televisore e telefono personale (CORDLESS). Le camere sono dotate di strumentazioni
e di arredi adatti all’accoglienza di ospiti con rilevanti problemi assistenziali e sanitari, i letti sono ad altezza va-
riabile, a tre snodi e con sponde di protezione a scomparsa e provvisti di dispositivi per chiamata di intervento
ed emergenza. Risponde, per questo, pienamente, ai requisiti strutturali e gestionali previsti dalle normative
vigenti del settore. Caratterizzata per l’assenza totale di barriere architettoniche, dispone di ambienti e servizi
modernamente arredati e attrezzati per garantire il massimo comfort alberghiero e una risposta assistenziale
all’altezza dei bisogni degli utenti. Un’efficace segnaletica consente di muoversi con libertà e semplicità, favo-
rendo la piena familiarizzazione da parte degli ospiti con la struttura.
Gli spazi comuni e le stanze sono climatizzati. Per ciascun modulo sono presenti:
Locale per bagno assistito dotato di vasca per immersione totale in posizione supina
Ambulatorio /medicheria
Locale controllo persone con servizi igienici annessi
Cucina attrezzata/tisaneria
Spazi soggiorno/gioco-TV/ spazio collettivo
3.
INFORMAZIONI E DOMANDA D’INGRESSO
Tutti coloro che desiderano essere ospitati nella struttura possono richiedere informazioni e modulistica al Servizio
Accoglienza o alla Reception. La modulistica, che può essere scaricata dal sito www.villagiovanna.it nella sezione
riservata alla R.S.A., deve essere riconsegnata compilata prima dell’ingresso al Servizio Accoglienza per una valu-
tazione circa l’ammissibilità da parte del Responsabile Sanitario o del Direttore Generale. Il personale del Servizio
Accoglienza è disponibile per effettuare visite guidate alla struttura.
4.
VALORI
I valori più significativi che contraddistinguono il lavoro di quanti operano nella RSA Villa Giovanna sono:
• la centralità degli adulti non autosufficienti e del suo ruolo sociale all’interno delle strutture;
• il miglioramento della qualità della vita attraverso la promozione della salute e della socializzazione.
In quest’ottica la RSA Villa Giovanna garantisce:
• un’assistenza qualificata;
• la ricerca di livelli di salute ottimali;
• il mantenimento, quando possibile, della capacità funzionale residua dell’anziano non autosufficiente;
• la formazione continua del personale, per sostenerne la motivazione e migliorarne costantemente la preparazio-
ne professionale.
5.
PRINCIPI GENERALI
Eguaglianza ed Imparzialità
Vengono riconosciuti i diritti inviolabili dell’Ospite. Il servizio deve essere erogato nel rispetto dei principi e dei
criteri di obiettività, giustizia ed imparzialità. Viene assicurata e garantita la parità di trattamento a tutti gli Ospiti
indistintamente, e nessuna discriminazione viene compiuta relativamente a sesso, razza, lingua, religione o ideolo-
gia politica.
Continuità
L’organizzazione della RSA Villa Giovanna garantisce la continuità delle prestazioni nelle 24 ore (sia assistenziali
sia sanitarie).
Partecipazione
Ogni osservazione critica viene sempre valutata come contributo al miglioramento del servizio: la Residenza mette
a disposizione di tutti gli Ospiti e dei familiari appositi moduli per raccogliere la segnalazione di eventuali disservizi
o suggerimenti.
Efficienza ed Efficacia
Ogni ricerca di miglioramento è tesa all’incremento dell’efficienza, nell’ottica di un perfezionamento continuo che
non vada a compromettere l’efficacia del servizio reso.
Trasparenza ed Accessibilità
Per garantire il continuo miglioramento della qualità, la Residenza assicura agli Ospiti e ai loro familiari un conti-
nuo aggiornamento sui servizi e le attività offerte dalla struttura.
6.
STAFF E COMPETENZE
All’interno della RSA Villa Giovanna il Direttore Generale e il Responsabile Sanitario operano in stretta collabora-
zione. La Direzione, nel rispetto delle singole competenze, assume la responsabilità complessiva della struttura,
fornisce le direttive principali sull’organizzazione socio-sanitaria ed assistenziale, nonché sugli aspetti finanziari e
di comunicazione esterna. La Direzione è il punto di riferimento sia per le norme che disciplinano i rapporti istitu-
zionali, sia per la gestione complessiva della struttura. La Direzione mette a disposizione tutte le risorse tecniche,
strumentali ed umane previste nella legislazione regionale, nonché tutte le risorse aggiuntive che ritiene neces-
sarie per il raggiungimento dei fini istituzionali.
Direttore Generale
• è responsabile dell’organizzazione aziendale;
• è responsabile della qualità dei servizi erogati;
• esercita il controllo di gestione;
• trasmette e attua gli obiettivi aziendali;
• presiede la selezione del personale, l’aggiornamento professionale, i tirocini professionali;
• esercita il controllo sui servizi appaltati;
• supervisiona il processo d’inserimento di un Ospite in struttura;
• è responsabile delle relazioni sul territorio;
• accoglie richieste e segnalazioni da parte dei clienti, sia attraverso l’ufficio competente sia in modo diretto.
Questa figura si confronta sulle linee programmatiche ed operative della RSA. Ospiti e familiari possono rivolgersi
al Direttore Generale in ogni momento della giornata di lavoro, previo appuntamento.
Responsabile Sanitario
• ha la responsabilità istituzionale della struttura per le funzioni sanitarie;
• valuta, in collaborazione con il Direttore Generale, le domande d’ingresso e l’autorizzazione alle dimissioni degli
Ospiti;
• assieme ai suoi collaboratori si occupa della gestione clinica, della presa in carico dell’Ospite, della cura e
dell’aggiornamento della cartella clinica e della documentazione socio-sanitaria secondo quanto richiesto dalla
Regione.
• svolge il coordinamento operativo di tutte le attività sanitarie (assistenza medica, infermieristica, ausiliaria e
riabilitativa);
• ha la responsabilità e supervisione della gestione dei farmaci, materiali e attrezzature sanitarie;
• ha la responsabilità dell’igiene della struttura ed il controllo delle norme igienico-sanitarie generali;
• si occupa della supervisione e controllo della ristorazione;
• è responsabile dell’applicazione e del rispetto delle norme di sicurezza degli ambienti e delle strumentazioni per
Ospiti e operatori
• è responsabile dell’applicazione e del rispetto dei protocolli e delle procedure adottate e validate dalla Direzione
Generale
Ospiti e familiari possono rivolgersi al Responsabile Sanitario in ogni momento della giornata di lavoro, previo
appuntamento.
Assistenza medica
L’assistenza medica di medicina generale è fornita dai medici curanti a carico del S.S.N. È il medico di base in
collaborazione con il Responsabile Medico della Struttura che decide le terapie e fornisce le indicazioni sanitarie al
personale operante in struttura. La presenza del Medico di base verrà garantita nel rispetto di quanto nell’accordo
ACCORDO INTEGRATIVO REGIONALE DELLA MEDICINA GENERALE.
Assistenza infermieristica
E’ garantita l’assistenza infermieristica da parte di personale professionale abilitato in servizio nella struttura, che
oltre a fornire le normali prestazioni di routine (terapia iniettiva, fleboclisi, prelievi, medicazioni), effettuano il control-
lo delle prestazioni terapeutiche, la prevenzione delle infezioni, l’individuazione precoce delle eventuali modifica-
zioni dello stato di salute fisica e di compromissione funzionale e l’attivazione tempestiva degli interventi necessari
da parte degli operatori competenti.
Assistenza di Base - Cura e igiene della Persona
Il personale di assistenza assicura il proprio servizio nell’ottica di rendere la permanenza dell’ospite confortevole e
con l’obiettivo di minimizzare i disagi legati all’ambientamento; si occupa quindi dell’accoglienza, dell’assistenza e
della cura e dell’igiene della persona in coerenza con le disposizioni mediche, infermieristiche e fisioterapiche. Le
mansioni da piano di lavoro strettamente assistenziali sono definite dalle coordinatrici.
Riabilitazione fisioterapica ed Attività Motoria
Il servizio di fisioterapia tramite piani individualizzati mira al recupero e al miglioramento delle capacità residue
degli ospiti. La struttura è dotata di una palestra fisioterapica a disposizione degli ospiti che ne possono fare uso in
base alle loro necessità con l’ausilio dei fisioterapisti dal Lunedi al Venerdì dalle 9.00 alle 15.00.
Reception
La RSA Villa Giovanna è dotata di un Servizio Reception attivo dal Lunedi al Venerdì dalle 8:00 alle
19:00 e il Sabato dalle ore 08.00 alle ore 14:00.
Ci si può rivolgere al Servizio Reception per ogni necessità e per ricevere informazioni in merito a:
accoglienza e informazione (diretta o telefonica) relativa alla struttura e alle pratiche d’ingresso;
consegna della modulistica;
identificazione/controllo dell’accesso alla struttura, ai servizi e agli Uffici Direzionali;
gestione del centralino e smistamento delle telefonate;
indicazioni sull’utilizzo dei diversi spazi della Residenza;
Ospiti presenti e la loro collocazione nei vari nuclei, nel rispetto della privacy.
Pratiche di ricovero, prenotazioni e dimissioni;
Relazioni con il pubblico;
Rilascio certificati e dichiarazioni.
Rilascio eventuali referti all’interessato o al familiare delegato
Attività Ricreativa ed Animazione/ Volontariato
L’attività di animazione e occupazionale è progettata in funzione del soddisfacimento dei desideri e bisogni dei nostri
ospiti. Sono organizzate, compatibilmente con lo stato di salute di ciascuno, feste e gite all’esterno della struttura,
momenti di incontro e attività, grazie anche al supporto fornito da associazioni di volontariato e reti informali, che
collaborano con l’animatrice presente in struttura. Le attività sono programmate, il calendario predisposto è visibile
per tutti.
7.
DESTINATARI E CRITERI DI ELEGGIBILITA’
In RSA-R3 sono accolti, previa valutazione multidimensionale, presa in carico, formulazione del progetto assisten-
ziale individualizzato, i soggetti adulti, malati cronici totalmente o parzialmente non autosufficienti con ridotta o com-
pleta perdita dell’autonomia, in condizioni di stabilità clinica o a rischio di instabilità senza la compromissione delle
funzioni vitali, soggetti affetti da disturbi cognitivi lievi/moderati senza disturbi comportamentali e/o dell’aggressività,
con necessità di trattamenti estensivi, di mantenimento funzionale e lungo assistenza, non assistibili a domicilio o in
altri setting assistenziali di maggiore o minore intensità.
Le persone arruolabili in RSA R3 presentano necessità di medio livello di assistenza sanitaria (medica, infermieristi-
ca, riabilitativa) integrato da un livello alto/medio di assistenza tutelare ed alberghiera.
Le persone arruolabili in RSA R3 possono presentare contemporaneamente i seguenti criteri di eleggibilità:
Condizioni funzionali compromesse tali da determinare la completa o parziale non autosufficienza
condizioni sanitarie caratterizzate da comorbilità tali da non richiedere cure intensive ospedaliere;
condizioni socio-ambientali che non consentono la permanenza al domicilio sia pure con
il supporto dei servizi domiciliari e semi-residenziali;
condizioni cliniche che non consentono un adeguato trattamento a domicilio o il trasferimento quotidiano
dal proprio domicilio verso una struttura semiresidenziale senza pregiudizio per lo stato di salute o l’accoglienza in
strutture residenziali a carattere sociale;
necessità di medio/alto livello di assistenza sanitaria (medica, infermieristica) medio livello di assistenza ria-
bilitativa, integrato da un livello medio/alto di assistenza tutelare
ed alberghiera.
Possono essere accolti soggetti affetti da demenza e da disturbi cognitivi di entità lieve e moderata, con trattamenti
ad alta o media intensità assistenziale a seconda del grado di autonomia e non autosufficienza determinate dalla
demenza o da patologie concomitanti. All’interno della RSA sono garantiti anche i ricoveri temporanei che rispondono
ad un bisogno temporaneo o programmato di assistenza di norma per un massimo di 30 giorni.
Ai ricoveri temporanei accedono:
soggetti non autosufficienti, normalmente assistiti in ambito familiare ed eventualmente inseriti nel circuito
delle cure domiciliari, per esigenze anche di mero sollievo delle famiglie stesse dal carico di cura e assistenza. In
questo caso sono definiti ricoveri di sollievo e possono ripetersi per un massimo di tre volte in un anno per lo stesso
paziente;
soggetti dimessi dalle UU.OO. Ospedaliere, anche di case di cura, non immediatamente assistibili a domicilio
e che necessitano di assistenza e/o riabilitazione e per i quali a causa delle condizioni di salute o delle condizioni
socio ambientali non è possibile nell’immediato elaborare un progetto riabilitativo.
Soggetti dimessi da altri setting assistenziali ospedalieri o extraospedalieri di diversa intensità per la continu-
ità delle cure.
8.
ACCESSO IN RSA
L’accesso alla RSA per pazienti adulti, cronici, non autosufficienti è effettuato previa valutazione multidimensiona-
le, ai fini della presa in carico integrata dell’utente e della definizione del progetto personalizzato, comprensivo di
progetto riabilitativo. Esso avviene attraverso la procedura di accesso ordinario (richiesta del diretto interessato, del
familiare, del MMG, dei servizi sociali) o per dimissione protetta/programmata.
Il paziente può accedere a questo setting da strutture di ricovero per acuti (ospedali o case di cura), strutture post-a-
cuzie, domicilio, da altro setting assistenziale.
9.
PROCEDURA DI ACCESSO
In caso di accesso ordinario in RSA, la richiesta per l’accesso è effettuata da uno dei seguenti soggetti alla P.U.A.
• dal singolo cittadino interessato;
• da un familiare, parente o componente della rete informale (es. vicinato)
• da un tutore giuridico;
• da Servizi sanitari (UO distrettuali etc; strutture residenziali, CDCD centri disturbi
cognitivi e demenze, altro)
• da altri servizi sociali dell’ambito territoriale.
• MMG.
La richiesta deve essere effettuata attraverso la specifica modulistica, prevista dal Regolamento di Accesso condivi-
so tra l’A.S.L. e l’Ambito Territoriale, e deve contenere almeno le seguenti informazioni:
Dati anagrafici del cittadino e recapiti (nome e cognome, codice fiscale, n. telefono, ecc.)
Indicazione di chi ha effettuato la richiesta (cittadino, familiare ecc.)
Tipo di bisogno/domanda espressa/verbalizzata (in sintesi)
Attivazione del percorso integrato di presa in carico nel caso di bisogno semplice.
Invio diretto ai servizi sanitari o sociali nel caso di bisogno semplice complesso.
Nel caso la richiesta per l’accesso sia effettuata dal MMG o da uno dei servizi sanitari distrettuali, contestualmente
questi provvederanno a redigere ed inviare alla P.U.A. la scheda A o B della S.VA.M.A., a seconda se chi richieda
l’accesso sia il MMG o il medico specialista dei servizi sanitari distrettuali. E’ compito della PUA raccogliere e colla-
zionare tutta la documentazione utile.
In seguito alla valutazione della richiesta, nel caso in cui sussistano i criteri di eleggibilità, la P.U.A. attiva il percorso
integrato di valutazione multidimensionale, attiva l’U.V.I. e nel caso specifico invia alla U.O. Distrettuale competente
che provvede a formulare la Proposta di Ammissione, attraverso la specifica modulistica già elaborata ed in uso, in
raccordo con il MMG, stante il consenso informato ed il rispetto della privacy del diretto interessato (vedasi il D.lgs
30 giugno 2013 n. 196 come modificato ed integrato dal D.lgs 10 agosto 2018 n.101).
La Proposta di ammissione contiene, oltre alle informazioni già presenti nella richiesta di accesso le seguenti infor-
mazioni:
bisogno/problema rilevato
prima valutazione sulla presenza dei requisiti
prima ipotesi di intervento mirato
tempi di attivazione dell’U.V.I.
consenso informato da parte della persona o suo tutore giuridico
La valutazione multidimensionale si concretizza nell’appropriata presa in carico della persona, che di norma deve
avvenire entro 20 giorni dalla richiesta di accesso, attraverso la redazione da parte dell’U.V.I. del Progetto Assisten-
ziale Individualizzato e del piano esecutivo, condiviso e sottoscritto dall’assistito/familiare/tutore.
La valutazione deve concludersi con la redazione del Progetto Assistenziale Individualizzato a cui segue il Piano
esecutivo redatto dall’U.O. competente con l’équipe della RSA Villa Giovanna.
10.
LISTA D’ATTESA
La lista di attesa aziendale per ricovero in RSA R3, sarà pubblicata sul sito www.villagiovanna.it.
In essa rientrano i nominativi dei pazienti che presentano i requisiti di eleggibilità, in base al criterio cronologico di
presentazione della domanda.
A parità del criterio cronologico prevale la complessità della situazione clinica ed il disagio psicologico che viene
valutata con la Scala SDS (Symptom Distress Scale).
In ogni caso a parità di condizione clinica e di disagio psicologico viene data priorità:
al paziente residente nell’Asl Caserta
al paziente a domicilio rispetto, al paziente ospedalizzato
al paziente senza famiglia o con famiglia “debole”
al paziente con difficoltà economiche
al paziente con sofferenza psicologica
Qualora vi fossero posti disponibili si procede ad inserire con la seguente priorità:
Il paziente residente nella Provincia di Caserta
Il paziente residente in altre Province della Campania
11.
DOCUMENTI NECESSARI
Al momento dell’ingresso è richiesta la presentazione dei seguenti documenti:
autocertificazione di residenza della persona interessata all’ingresso;
documento d’identità valido (fotocopia);
attestazione del codice fiscale (fotocopia);
tessera d’iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (originale);
eventuale certificato esenzione ticket (originale) e certificato invalidità;
documentazione sanitaria recente (ricoveri in ospedale, esami, radiografie, etc. che risalgano al massimo
a 12 mesi precedenti);
eventuali presidi in uso che vanno consegnati al momento dell’ingresso in struttura, completi di relativa
documentazione nel caso rilasciati dall’ATS.
La completezza della documentazione è indispensabile affinché l’équipe possa avviare una corretta presa
in carico dell’Ospite sotto il profilo sia amministrativo sia sanitario-assistenziale.
12.
L’ACCOGLIENZA
L’operatore della Reception informa l’équipe di accoglienza dell’arrivo dell’Ospite. L’équipe accoglie lui e i familiari
all’ingresso nella Residenza. Il Coordinatore infermieristico o il Referente Assistenziale di Piano accompagna l’O-
spite nella stanza, avendo cura di:
presentare gli altri Ospiti del nucleo;
presentare il personale di riferimento;
comunicare l’organizzazione della giornata (orario pasti, terapie, attività);
evidenziare i momenti e gli orari favorevoli per le visite dei parenti;
spiegare l’utilizzo dei mezzi di supporto (letto, comodino, campanello di chiamata).
Il medico, coadiuvato dagli infermieri, visita l’Ospite identificando le necessità sanitarie e mettendo a punto l’ade-
guata terapia farmacologica consultandosi con il Medico di Medicina Generale. Il personale, composto da diverse
competenze sanitarie e assistenziali, si preoccupa da subito di rispondere in maniera esauriente ai bisogni dell’O-
spite. In questa prima fase l’équipe si occupa di raccogliere tutte le informazioni sul quadro clinico e psicosociale
del paziente per mettere a punto il Progetto Individuale. Il Servizio Accoglienza successivamente svolge un incontro
con i familiari per definire le pratiche amministrative:
• la sottoscrizione del regolamento interno e dell’informativa sulla privacy;
• la spiegazione al cliente della Carta dei Servizi;
• l’istituzione della pratica per la voltura della tessera sanitaria.
13.
PERIODO D’INSERIMENTO
Durante il primo periodo l’équipe assistenziale si prende cura dell’inserimento del nuovo Ospite, ponendo particola-
re attenzione alle prime fasi di socializzazione in modo da facilitarne l’inserimento. Il medico visita il nuovo residente
dando successivamente istruzioni al personale infermieristico e socio-assistenziale su terapie ed accorgimenti da
adottare. Inoltre comunica alla cucina le opportune indicazioni in caso di diete particolari.
14.
I SERVIZI PER I NOSTRI OSPITI
Ogni Ospite ha il diritto di poter identificare il personale che gli presta assistenza; a tal scopo tutti gli operatori sono
dotati di cartellino identificativo in cui è specificato nominativo e professione svolta. Presso la RSA Villa Giovanna
vengono garantiti gli standard di minutaggio per Ospite, come previsto dalla vigente normativa della Regione Cam-
pania.
15.
PAI
Ogni attività dell’Ospite si svolge nell’ambito di un Progetto Individuale (PI) e di un Piano Assistenziale Individuale
(PAI). Nel momento in cui il personale prende in carico la cura dell’Ospite, vengono raccolte tutte le informazioni
necessarie a definire meglio il quadro clinico e psicosociale. Sulla base dei dati emersi, entro 30 giorni dall’acco-
glienza e presa in carico l’équipe socio-sanitaria stila il Progetto Individuale, che sintetizza la situazione sanitaria
dell’anziano. Sulla base di quanto indicato, viene successivamente aggiornato o modificato il Piano Assistenziale
Individuale stilato in sede UVI, che definisce in concreto la pianificazione degli interventi. I familiari, nel principio
del Consenso Informato alla cura e della condivisione del progetto di cura, vengono sempre informati e coinvolti.
Il PI ed il PAI vengono rivalutati almeno ogni sei mesi, a meno che non intervengano cambiamenti significativi dal
punto di vista cognitivo e funzionale che inducano l’équipe ad una valutazione anticipata. Gli obiettivi principali del
Progetto Individuale e del Piano Assistenziale Individuale sono:
permettere all’Ospite di esprimere la propria individualità, sostenendo le abilità residue;
supportare l’autonomia dell’Ospite valutandone le aree di maggiore necessità;
cercare di mantenere quanto più a lungo possibile le abilità cognitive e funzionali residue;
permettere la socializzazione e la comunicazione efficace tra i vari Ospiti e con il personale afferente alla
RSA;
ridurre le situazioni stressanti per l’Ospite interpretando correttamente i suoi bisogni;
aiutare i familiari a ridurre lo stress dovuto all’assistenza del proprio familiare a domicilio, fornendo consigli,
suggerimenti e informazioni sulla malattia e sui problemi che si troveranno ad affrontare;
agevolare, dove possibile, lo scambio di opinioni ed informazioni con altri familiari.
16.
LA GIORNATA TIPO
L’organizzazione della giornata e delle attività è pensata tenendo in considerazione le necessità specifiche di ogni
singolo Ospite, in modo da rispettarne esigenze e tempistiche.
MATTINA
La giornata per l’Ospite inizia con il risveglio, cui seguono le operazioni d’igiene personale e somministrazione della
terapia. Successivamente si svolge la colazione, servita nella sala da pranzo o, per gli Ospiti che lo necessitano,
nella propria stanza con relativo aiuto. Seguono le attività di fisioterapia, i trattamenti infermieristici, le visite medi-
che, le attività di animazione, socializzazione e dialogo.
POMERIGGIO
A metà pomeriggio viene servita la merenda, dopodiché è possibile trattenersi negli spazi comuni interni o esterni e
partecipare alle attività di animazione. Nel pomeriggio proseguono le attività di riabilitazione.
SERA
La cena viene servita intorno alle ore 18.00. Terminata la cena inizia la preparazione per il riposo notturno.
Dopo cena gli Ospiti possono trattenersi nei soggiorni per guardare la televisione oppure trascorrere momenti
tranquilli di conversazione, mentre gli Ospiti che lo desiderano verranno accompagnati in camera per le attività di
preparazione per la notte.
17.
ASSISTENZA SANITARIA, FORNITURA FARMACI E PRESIDI
Ad ogni Ospite è garantita la fornitura di tutti i farmaci previsti nel prontuario della struttura e prescritti dal medico
(compresi i farmaci in fascia C), ossigenoterapia, materiale sanitario di prima necessità e nutrizione. La Residen-
za fornisce gli ausili per la gestione dell’incontinenza (pannoloni, cateteri vescicali) e i presidi per la prevenzione
e la cura delle lesioni cutanee da decubito (cuscini e materassi antidecubito, medicazioni avanzate). Sono inoltre
presenti presso la Residenza i prodotti dietetici per Ospiti che adottano particolari regimi alimentari. Sono invece
a carico del SSN ausili sanitari personalizzati quali broncoaspiratore, pompa e sacca per nutrizione enterale,
sacche e deflussori, apparecchi per ventilazione polmonare, dispositivi per diabetici. Le visite specialistiche e gli
accertamenti diagnostici ritenuti necessari, all’interno e all’esterno della struttura, vengono richiesti dal medico
della Residenza e sono a carico del Servizio Sanitario Nazionale in presenza di esenzione; se possibile, l’Ospite
viene accompagnato da un familiare.
18.
ASSISTENZA MEDICA
Nella RSA Villa Giovanna operano il Responsabile Sanitario assieme ai medici di MMG. L’assistenza medica è
garantita dal lunedì al sabato dalle ore 09.00 alle ore 14.00. La domenica, nei giorni festivi, nelle ore pomeridiane
e notturne e in urgenza si attiva il medico della continuità assistenziale. I principali compiti del medico sono:
assistenza all’Ospite per tutte le necessità d’intervento medico (visita medica, prescrizione di farmaci,
eventuali accertamenti diagnostici, vaccinazioni, piccoli interventi strumentali);
compilazione e tenuta della documentazione sanitaria;
decisione operativa sul progetto del percorso assistenziale e riabilitativo da realizzare, partecipazione
alla stesura del PI/PAI e verifica delle condizioni cliniche dell’Ospite;
collaborazione con le altre figure professionali presenti in struttura (infermiere, terapista della riabilitazio-
ne, operatore addetto all’assistenza, psicologo ed educatore professionale) per stabilire le modalità d’intervento
più idonee;
collaborazione e confronto con i colleghi consulenti delle varie branche specialistiche e con i colleghi
ospedalieri, in caso di ricovero dell’Ospite;
colloqui, secondo appuntamenti prestabiliti e in caso di necessità, con i familiari dell’Ospite per fornire
informazioni sullo stato di salute e sui progetti assistenziali e riabilitativi.
La presenza del Medico di base verrà garantita nel rispetto di quanto nell’accordo ACCORDO INTEGRATIVO
REGIONALE DELLA MEDICINA GENERALE.
19.
ASSISTENZA INFERMIERISTICA
La RSA Villa Giovanna garantisce l’assistenza infermieristica continuativa diurna più in caso di urgenza e nelle
ore notturne con personale ASL.
L’assistenza infermieristica si caratterizza per:
la sorveglianza sanitaria e presa in carico dei bisogni primari;
la somministrazione della terapia farmacologica e le rilevazioni dei parametri vitali;
le medicazioni quotidiane di lesioni cutanee e la prevenzione delle piaghe da decubito;
l’assistenza continua e diretta agli Ospiti critici.
Addestramento al Nursing dei familiari prima di una eventuale dimissione.
20. ASSISTENZA ALLA PERSONA
La vita nei nuclei è organizzata sul modello familiare. L’assistenza tutelare è affidata ad un gruppo di Operatori
Socio-Sanitari (OSA-OSS). Le prestazioni che costituiscono le attività di assistenza dirette agli Ospiti sono:
vestizione;
bagno assistito;
prevenzione delle piaghe da decubito;
gestione dell’incontinenza;
aiuto all’alimentazione e all’idratazione;
protezione e tutela.
Tali prestazioni vengono garantite in maniera continuativa nell’arco delle 24 ore. L’organizzazione dei nuclei è
pensata in modo da garantire in maniera continuativa la relazione tra Ospite e operatore.
21.
ATTIVITÀ DI RIABILITAZIONE
È garantita dal lunedì al sabato attraverso la presenza di terapisti della riabilitazione e la disponibilità di spazi e
attrezzature specifiche. Il medico e il terapista della riabilitazione effettuano la valutazione dell’Ospite e imposta-
no, se necessario, il piano riabilitativo individuale. I terapisti della riabilitazione, con attività di gruppo o individuali,
intervengono nell’attivazione, riattivazione e mantenimento dell’autonomia motoria, secondo gli obiettivi segna-
lati nel PI/PAI. Il trattamento riabilitativo è rivolto sia alle patologie neurologiche sia ortopediche.
22. SERVIZIO SOCIO-EDUCATIVO
L’équipe socio-educativa della Residenza ha il compito di favorire la socializzazione, il mantenimento e il re-
cupero degli interessi individuali, nel pieno rispetto della propria libertà di partecipazione. Le attività, rivolte al
singolo Ospite secondo le caratteristiche personali o a gruppi più o meno numerosi, riguardano:
attività manuali;
attività ludiche e cognitive;
terapia occupazionale;
attività musicali;
spettacoli di arti varie;
iniziative culturali aperte anche al territorio;
visite in città;
gite di gruppo.
23. SERVIZIO PSICOLOGICO
La Residenza mette a disposizione degli Ospiti e dei loro familiari una psicologa, che riceve previo appunta-
mento. Le prestazioni che costituiscono le attività del servizio psicologico sono:
valutazione periodica dell’Ospite tramite gli opportuni strumenti di valutazione psicologica (MMSE, NPI,
CDR);
colloqui di sostegno al bisogno con Ospiti, familiari e operatori;
coinvolgimento in alcune delle attività psico-socio-educative, compresi i progetti realizzati in collabora-
zione col territorio di riferimento;
24. ALTRI SERVIZI
Servizio podologia
Il servizio è offerto su prenotazione tramite appuntamento con un Podologo convenzionato con la struttura e
non è compreso nella retta di degenza.
Fornitura Ausili E Consulenza Protesica
L’erogazione di protesi e di ausili è garantita agli aventi diritto dall’ASL di appartenenza. Servizio di Riabilita-
zione e l’équipe medica hanno cura di scegliere l’ausilio adeguato e predisporre la modulistica necessaria per
l’erogazione. La struttura è dotata di un servizio di consulenza protesica con la Vivisol.
Assistenza religiosa
L’assistenza religiosa cattolica è garantita dal parroco e dai coadiutori della parrocchia della Tora e Piccilli che
celebra la SS. Messa all’interno della struttura la domenica mattina, garantendo durante l’anno tutte le celebra-
zioni delle feste liturgiche. A richiesta degli Ospiti viene somministrato il sacramento della SS. Eucarestia, della
riconciliazione e dell’unzione degli infermi. Viene garantito agli Ospiti il massimo livello di autodeterminazione
possibile, rispettando convinzioni, ideali religiosi e morali. Gli aderenti a religioni diverse da quella cattolica possono
liberamente ricevere assistenza spirituale dal ministro del proprio culto, nel rispetto reciproco.
25. SERVIZIO RISTORAZIONE
I pasti sono preparati da una Ditta Esterna, trasportati e consegnati successivamente ai piani con appositi carrelli ter-
mici che ne mantengono inalterate le caratteristiche. I menù sono elaborati da un nutrizionista, nel rispetto delle abitu-
dini alimentari prevalenti dell’utenza, e consentono una scelta da parte degli Ospiti sia in regime normale sia dietetico.
I menù sono esposti in modo da essere ben visibili ai residenti e ai parenti. L’assistenza diretta durante i pasti, per gli
Ospiti che lo necessitano, è garantita dagli operatori del nucleo. Il personale adibito all’assistenza provvede alla distri-
buzione dei pasti facendo particolare attenzione alle eventuali prescrizioni del medico. Nel caso in cui l’Ospite non sia
in grado di farlo in modo autonomo, il personale si occupa direttamente della sua nutrizione. Il personale inoltre si fa
carico di garantire una corretta idratazione, stimolando gli Ospiti ad assumere liquidi con regolarità. I familiari possono
consumare i pasti in compagnia degli Ospiti; la prenotazione del pasto da parte dei familiari deve essere effettuata
presso la Reception il giorno prima della consumazione. Il costo dei pasti dei visitatori non è compreso nella retta.
Ogni lunedì il servizio mensa esterno fornisce alla struttura il menù settimanale per consentire la libera scelta agli
ospiti.
In relazione alle prescrizioni dei PAI sono disponibili diete per diabetici, ipercolesterolemie e altre intolleranze alimen-
tari.
26. SERVIZIO DI SANIFICAZIONE AMBIENTALE
La pulizia interna delle camere di degenza, nonché la pulizia esterna e la sanificazione quotidiana di tutti i locali e gli
spazi abitativi, sono garantite dal personale addetto.
27.
PARRUCCHIERE, BARBIERE ED ESTETISTA
Presso la struttura è attivo il servizio di barbiere e parrucchiere 1 giorno la settimana. Una prestazione mensile è com-
presa nella retta; le successive prestazioni sono a pagamento. Le prenotazioni sono a cura della Amministrazione.
28. LAVANDERIA
La Residenza garantisce il cambio della biancheria piana con cadenza settimanale. Il servizio di lavanderia Ospiti è
interno alla struttura ed è compreso nella retta. Il corredo dell’Ospite deve essere contrassegnato all’ingresso (a cura
del parente) da un codice attribuito dall’Ufficio Accoglienza. Gli inserimenti di ulteriori capi successivi dovranno essere
consegnati nei rispettivi nuclei al Responsabile di Nucleo accompagnati da un apposito elenco degli indumenti stessi.
29. LUOGHI D’INCONTRO
Al piano terra è presente un ampio salone ed una zona con distributori automatici a disposizione di tutti gli Ospiti e
dei visitatori. All’esterno è presente un giardino attrezzato. In ogni nucleo sono presenti soggiorni/sale da pranzo. La
struttura è caratterizzata da ampie vetrate che garantiscono luminosità e grande visibilità all’esterno.
Al piano terra è presente il sevizio bar ampio e luminoso per consentire la socializzazione degli ospiti e dei familiari.
30.
ORARI DI VISITA
Familiari, amici e altri visitatori possono incontrare gli Ospiti tutti i giorni dalle ore 11:00 alle ore 15:00 e dalle 17:00 alle
20:00. I familiari e gli amici rappresentano una risorsa fondamentale per il benessere degli Ospiti e la loro presenza
è incoraggiata e stimolata. I familiari e gli amici possono prendere parte alle attività di animazione. È indispensabile
che il comportamento di ogni visitatore sia sempre corretto e rispettoso verso gli altri affinché non si rechi disturbo agli
Ospiti e allo svolgimento del lavoro degli operatori. Per rispetto della privacy si invitano i visitatori ad allontanarsi tem-
poraneamente dalle camere durante l’assistenza agli Ospiti. Ai familiari é consentito in caso di necessità l’accesso a
qualsiasi ora di giorno e di notte compatibilmente con le esigenze di assistenza degli altri ospiti.
31.
COME RAGGIUNGERCI
Raggiungere RSA Villa Giovanna è molto semplice.
In Auto si deve percorrere
Uscita autostrada Caianello direzione Mignano Monte Lungo , svoltare a sinistra in località Tora e Piccilli
La Struttura è munita di autovettura Renault Clio che funge da navetta.
L’utenza telefonica di riferimento per prenotare tale sevizio è +39 (0823) 92 45 58
Per raggiungere la struttura in treno:
Scendere alla stazione di Caianello dove troverete a disposizione, previa prenotazione, la navetta della struttura.
32. TARIFFE E COSTI
Le prestazioni per i pazienti che entrano in RSA R3 sono per il 50% a carico del Servizio Sanitario Nazionale. Il re-
stante 50% della tariffa è a carico dei Comuni/Ambiti Territoriali di residenza dei pazienti, con l’eventuale comparteci-
pazione dell’utente da stabilirsi tassativamente secondo i criteri stabiliti dalle normative vigenti.
33. SERVIZI INCLUSI
Le rette di degenza nella Residenza includono:
servizi alberghieri (colazione, pranzo, merenda e cena, compresi di bevande, diete personalizzate ed ausi-
lio all’alimentazione);
servizio di pulizia, sanificazione ambientale e lavanderia piana;
servizio di lavanderia e stireria di biancheria intima e indumenti personali;
comfort in ogni camera (servizi igienici privati, riscaldamento regolabile, climatizzatore);
servizi assistenziali e sanitari (assistenza medica, assistenza infermieristica, assistenza socio-sanitaria alla
persona, assistenza fisioterapica, assistenza psicologica e di animazione; fornitura di farmaci, parafarmaci, ausili e
presidi per l’incontinenza);
Tutte le prestazioni sanitarie nei confronti degli ospiti sono assicurate dall’Asl o sono comunque a carico
del Servizio sanitario Nazionale;
servizio estetista e una prenotazione mensile del servizio parrucchiera.
34. SERVIZI NON COMPRESI NELLA RETTA
Le rette di degenza nella Residenza non includono:
• rilascio di certificati per invalidità, assicurazioni e organi ufficiali. Verrà rilasciata fatturazione da parte del medico
certificatore in ottemperanza ai riferimenti dell’importo tabellare previsto dall’Ordine dei Medici;
• trasporti escluso il 118;
• servizio di podologia;
• i pasti consumati dai visitatori, secondo quanto previsto dai menù della RSA;
• contributi aggiuntivi per gite;
• diritti di segreteria per copie cartelle cliniche;
• servizi non previsti dalla normativa vigente.
Dimissioni
Al momento della dimissione vengono rilasciati al cliente il certificato medico di dimissione, i documenti personali
originali depositati e, su richiesta, copia dei documenti amministrativi e sanitari che lo riguardano. Le dimissioni
sono previste in giornata, nell’orario concordato. È addebitato nella retta del mese di riferimento sia il giorno
d’ingresso sia quello di dimissione. La Direzione ha facoltà di recedere dal contratto d’ingresso e ospitalità e
di dimettere l’Ospite qualora lo stesso tenga una condotta gravemente incompatibile con la vita comunitaria o
commetta ripetute e gravi infrazioni alle regole della RSA. La Direzione dovrà comunicare l’insorgere delle con-
dizioni d’incompatibilità all’Ospite, al familiare, al Tutore, al curatore o all’Amministratore di Sostegno indicato nel
contratto. Le dimissioni avverranno previa comunicazione ed in forma assistita con Comune e Asl.
Detrazioni
È possibile detrarre dalla denuncia dei redditi la quota relativa alla spesa sanitaria. La RSA Villa Giovanna si
impegna in conformità alla normativa nazionale e regionale vigente, a rilasciare la certificazione della retta ai fini
fiscali nei termini utili per la presentazione della dichiarazione dei redditi.
Continuità delle cure
In caso di dimissione e trasferimento ad altra struttura, viene assicurata la continuità delle cure, in conformità
con le procedure interne.
35. DIRITTI E DOVERI DEGLI OSPITI
Rispetto della vista comunitaria: agli Ospiti è richiesto il rispetto degli altri Ospiti e del personale, al fine di garanti-
re una convivenza il più possibile equilibrata e tranquilla e il rispetto dei turni /piani di lavoro volti ad un’adeguata
organizzazione della struttura;
Posto letto: all’Ospite è assegnato un posto-letto in camera doppia, secondo la disponibilità e comunque a
discrezione della struttura. Il personale direttivo si riserva la facoltà - dandone comunicazione all’Ospite e ai
familiari - di assegnare successivamente all’anziano un’altra stanza, qualora fosse richiesto da necessità della
vita comunitaria. Nell’assegnazione delle stanze si terrà conto del sesso e delle condizioni fisiche connesse
all’assistenza.
Arredi personali e apparecchiature: la struttura dispone di arredi e apparecchiature adeguati per ogni stanza.
Su richiesta degli Ospiti è possibile portare piccoli oggetti personali e proprie apparecchiature - radio, cellulare,
tv - che rendano più personale la vita dell’Ospite nella struttura, previa autorizzazione del Consiglio di Ammini-
strazione che valuterà la richiesta e la sua fruibilità; tali arredi e apparecchiature devono essere utilizzate senza
arrecare danno, disturbo, e nel rispetto degli altri Ospiti e del personale.
Spazi comuni: sono a disposizione degli Ospiti gli ambienti comuni della struttura - salotti, palestra, cappella,
atrio - entro i quali possono usufruire dell’attrezzatura in dotazione previa autorizzazione del medico curante e
del fisioterapista.
Gli Ospiti possono usufruire a loro piacimento dell’area cortiliva per passeggiate, momenti di incontro e socializza-
zione. Per il bene degli Ospiti sarebbe opportuno che non uscissero dalla struttura in estate nelle ore più calde e in
inverno nelle ore più fredde; se le uscite in tali situazioni sono inevitabili, si richiede al familiare di comunicarlo alla
Direzione.
L’Ospite gode di ogni libertà di entrata ed uscita dalla struttura, previa comunicazione e autorizzazione da parte dei
familiari al personale in servizio, che attiverà le procedure stabilite facendo firmare gli appositi moduli.
Agli Ospiti non è permesso:
tenere all’interno della propria camera animali, scaldini, fornelli, ferri da stiro o altro oggetti simili;
fumare all’interno della struttura: lo spazio disponibile e dotato di sedie e posacenere è all’esterno della struttura
nel porticato davanti alla zona Bar; gli ospiti non in grado di recarsi da soli nello spazio disegnato, devono chie-
dere al personale di essere accompagnati fuori a fumare. I familiari non possono lasciare sigarette direttamente
agli ospiti, ma alla Amministrazione la quale gestirà con gli operatori il desiderio di fumare dell’ospite stesso.
Gli Ospiti sono invitati a non trattenere presso di sé oggetti di valore o denaro; la struttura non si assume respon-
sabilità alcuna per gli oggetti conservati direttamente e personalmente dagli Ospiti come espresso dal contratto
sottoscritto all’ingresso.
Nell’eventualità ci fosse assoluta necessità di custodia da parte della Struttura vi è una procedura apposita che
disciplina la gestione degli effetti personali di proprietà dell’utente.
36. FAMILIARI E AMICI
Le visite dei familiari/amici sono permesse dalle ore 11:00 alle ore 15:00 e dalle 17:00 alle 20:00
Le visite durante la distribuzione dei pasti è possibile per massimo 2 parenti ogni Ospite. I familiari che gradiscono
assistere ai pasti il proprio ospite sono tenuti ad informare la Amministrazione. E’ prevista una saletta distaccata
dalla sala pranzo dove parenti e ospiti verranno sistemati in occasione del pasto con presenza dei familiari. Se l’o-
spite gradisce mangiare in sala pranzo, i parenti dovranno attendere che il pasto finisca nelle salette della struttura;
Previa comunicazione di 24 ore, i familiari possono mangiare insieme agli Ospiti. Il costo del pasto è da pagare
direttamente all’Amministrazione. Sarà compito dei responsabili decidere in quali spazi predisporre i pasti;
I familiari vengono messi a conoscenza del Piano Assistenziale (PAI) del proprio familiare secondo le direttive re-
gionali;
Devono essere istruiti dal personale qualificato della Struttura sulla corretta movimentazione dei pazienti secondo
le procedure adottate dal sistema.
Il familiare è tenuto ad avvisare la struttura se delega a persone estranee alla famiglia alcune mansioni riguardati la
gestione del proprio Ospite sottoscrivendo l’apposito modulo in cui vengono indicate le mansioni delegate. I familiari
saranno tenuti a informare ed educare la persona delegata facendo riferimento alla Carta dei Servizi nella tutela
degli Ospiti e RSA Villa Giovanna non risponde nè è responsabile dell’operato della persona indicata;
I familiari sono tenuti a assistere solo il proprio caro nelle mansioni di vita quotidiana volte a: aiuto nell’alimenta-
zione, aiuto nel mantenere le capacità residue della deambulazione attraverso passeggiate, socializzazione. Le
richieste di altri ospiti, sono da porre all’attenzione dei responsabili/infermieri/operatori di turno e si chiede di non
assecondare o interferire nella gestione degli stessi;
Si richiede al familiare che l’assistenza di tipo intimo, quali igiene, bagno, vestizione, organizzazione della vita in
struttura del proprio familiare ospite venga demandato al personale socio sanitario. Il familiare può richiedere tra-
mite formale e motivata domanda alla direzione eventuali richieste particolari.
Per le visite specialistiche interne ed esterne - ordinarie o urgenti - richieste dal medico di struttura/medico di base
dell’ospite è richiesta la presenza di un familiare per l’accompagnamento eventuale tramite il servizio di trasporto
predisposto dalla struttura, previo accordo con il personale infermieristico. Per gli Ospiti soli o nel caso in cui il fami-
liare sia impossibilitato ad accompagnare l’ospite, sarà cura di RSA Villa Giovanna attivarsi per l’accompagnamen-
to. A tele scopo verrà fatto firmare al familiare al bisogno un modulo di delega alla Struttura per l’eventualità in cui
la Struttura si occupi dell’accompagnamento dell’ospite alle visite specialistiche. In ogni modo il familiare è tenuto
ad essere reperibile durante il giorno della visita per eventuali informazioni/complicazioni inerenti alla visita stessa.
Per motivi igienico-sanitari e a tutela della salute dell’anziano si vieta di portare o somministrare alimenti preparati
a domicilio; si possono portare alimenti confezionati o di altro genere con relativo scontrino, i quali possono essere
somministrati solo al proprio ospite con l’autorizzazione dell’infermiere di turno che valuterà se gli alimenti proposti
siano idonei alla salute dell’Ospite stesso. Frutta, caramelle, cioccolate e alimenti vari deteriorabili portati senza
previo accordo saranno ritirati dal personale quanto trovati nei comodini o in luoghi non idonei alla conservazione
dei cibi e restituiti al familiare dell’ospite ove sia possibile. La struttura non si assume responsabilità in caso in cui
l’ospite, a seguito della somministrazione di cibo non proveniente dalla cucina di RSA Villa Giovanna, presenti pro-
blemi di salute.
Ospiti con problematiche alimentari di varia natura, avranno una dieta personalizzata sulla base di indicazioni medi-
che condivise con i familiari, i quali sono tenuti ad osservare tali disposizioni. In caso contrario sarà cura di RSA Villa
Giovanna far sottoscrivere un modulo di esenzione di responsabilità della struttura dell’operato del familiare e in
ogni caso RSA Villa Giovanna non risponde dell’operato dei familiari, amici affini che somministrano cibo agli ospiti.
Si richiede ai familiari di comunicare ai responsabili il nominativo e i recapiti telefonici di una persona, che sia per la
struttura il riferimento dell’Ospite e con la quale si relaziona per le comunicazioni ed emergenze riguardati l’anziano,
anche durante la notte. Se il nominativo della persona di riferimento o i recapiti del referente cambiano, chiediamo
ai familiari di comunicarlo alla coordinatrice o all’impiegata amministrativa.
Qualora i familiari chiedessero copia della cartella socio sanitaria degli ospiti, sono tenuti a compilare l’apposito
modulo di richiesta; la Fondazione si riserva di un mese di tempo per rispondere.
Si chiede cortesemente ai familiari che minori siano sempre accompagnati in struttura da un adulto, il quale ha il
dovere di supervisionare il comportamento del minore stesso. In particolare si chiede che il minore non sia lasciato
solo in giro per la struttura, che non utilizzi materiali e attrezzature presenti negli spazi comuni e nelle camere, che
i giochi portati dall’esterno non ledano gli ospiti e la struttura stessa, che si rivolga agli ospiti con cortesia ed edu-
cazione.
Si chiede cortesemente ai familiari che eventuali animali da compagnia, che si desidera portare in visita agli ospiti,
siano sempre tenuti nel trasportino o tenuti al guinzaglio e che il padrone supervisioni il comportamento dell’animale
stesso. L’animale non può entrare nelle stanze, ma rimanere al piano terra o nell’atrio o in giardino.
Si sottolinea ai familiari che gli ospiti presenti in struttura sono persone malate e affette da patologie compor-
tamentali gravi e non autosufficienti. Pertanto anche se un ospite sembra in grado di intender e volere, questo
non è un dato certo e va comunque considerato come non autosufficiente a livello fisico e mentale. Chiediamo
pertanto ai familiari di occuparsi solo ed esclusivamente delle richieste o segnalazioni da parte proprio familiare
Ospite.
E’ vietato lasciare oggetti taglienti (forbici, coltelli, lamette etc) a gestione dell’Ospite singolo o in sua vicinanza.
E’ compito del/dei familiare/i sottoscrivente/i il contratto di ospitalità informare l’Ospite entrante e i familiari, af-
fini, amici che gradiscono far visita all’ospite stesso del contenuto della presente Carta dei Servizi inteso parte
integrante e vincolante al contratto stesso.
37.
RESPONSABILITÀ DELLA STRUTTURA
La struttura agisce e organizza le sue attività per garantire il benessere degli ospiti. Le decisioni inerenti la salu-
te e la vita quotidiana sono prese con la massima discrezione e professionalità. L’ospite e il familiare verranno
avvisati in caso di problematiche varie per garantire la massima trasparenza e collaborazione nella gestione
degli ospiti stessi.
Tutti coloro che assistono gli Ospiti della struttura sono tenuti a collaborare per garantire risposte adeguate
ai singoli bisogni, assicurando rispetto alla riservatezza ed alla privacy di ciascuno.
Il personale è tenuto a preservare la privacy di ogni Ospite, darà informazioni solo ed esclusivamente riguar-
dati il proprio familiare Ospite. Le richieste di informazioni di altra natura e su altri Ospiti sono negate.
L’Ente gestore e il personale non sono responsabili dell’allontanamento degli Ospiti in quanto, pur ponendo
ogni mezzo ed attenzione possibile nell’ambito della vigilanza, non possono adottare misure coercitive e
limitative della libertà personale. Misure in tal senso possono essere adottate solo dalle autorità competenti.
RSA Villa Giovanna non si assume responsabilità in caso di smarrimento o rottura involontaria di protesi
(visive, auditive e dentarie) utilizzate dagli ospiti;
RSA Villa Giovanna non si assume responsabilità in caso di smarrimento o rottura involontaria di oggetti per-
sonali dell’ospite e denaro contante; su richiesta del familiare RSA Villa Giovanna può conservare gli oggetti
e il denaro contate nella cassaforte - come da modulo dichiarazione deposito denaro contante;
L’Ente gestore è responsabile, solo ed esclusivamente, degli indumenti degli adulti non autosufficienti che
utilizzano il servizio di lavanderia interna, tenendo in considerazione il decorso di usura degli stessi. E co-
munque il servizio è normato da una procedura appropriata.
La Fondazione si mette a disposizione dei familiari per aiutarli qualora si evidenzino delle difficoltà nella
gestione dei propri cari.
In caso di inadempienza nel pagamento della retta da parte dei soggetti che se ne sono assunti la respon-
sabilità, RSA Villa Giovanna adotterà i provvedimenti di legge riservandosi la possibilità di dimettere l’Ospite.
La Direzione della RSA Villa Giovanna si riserva la facoltà di intervenire qualora non vengano rispettate le
suddette regole di vita comunitaria e/o avvengano comportamenti tali da arrecare danno alla struttura e agli
Ospiti stessi.
38. QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE
All’ingresso della Struttura è presente un Questionario di Soddisfazione ai familiari, agli Ospiti della Residenza
e agli operatori per permettere alla Direzione di verificare la qualità percepita, consentendo l’individuazione di
eventuali aree di miglioramento ed obiettivi da perseguire. I risultati vengono condivisi con gli interessati e, se
necessario, vengono attivate azioni di miglioramento.
Il Questionario di Soddisfazione per gli operatori permette al Direttore di verificare la motivazione degli operatori
e il clima di lavoro in cui operano. I risultati vengono condivisi con gli operatori attraverso riunioni periodiche
volte anche a concordare eventuali interventi correttivi. Si allega al presente documento, e ne è parte integrante,
un esempio di questionario di Soddisfazione RSA Villa Giovanna nella versione dedicata ai Residenti e nella
versione dedicata ai familiari.
39. RECLAMI, SEGNALAZIONI E APPREZZAMENTI
La possibilità di formulare osservazioni e di effettuare suggerimenti è un elemento basilare ed imprescindibile
della tutela dei diritti dei cittadini, anche al fine di migliorare costantemente le prestazioni e la qualità dei servizi
offerti. Una scheda per la raccolta di reclami, segnalazioni e apprezzamenti è a disposizione presso la Reception
e l’Ufficio Accoglienza; la Direzione ne prende visione e fornisce una risposta entro 10 giorni.
40. GARANZIE DI QUALITÀ
Qualità, competenza e servizio sono elementi fondamentali della strategia aziendale della RSA Villa Giovanna. Il
principio base della politica della qualità è quello di assicurare la soddisfazione del cliente attraverso un continuo
miglioramento del servizio. All’interno della struttura è presente un Referente della Gestione Qualità con il compito di
supervisionare la mappa dei processi.
41.
INFORMAZIONI UTILI
Telefono
E’ garantita la possibilità di comunicazione con l’esterno a tutti gli ospiti della struttura.
Posta
Gli Ospiti che intendono spedire la corrispondenza possono consegnarla direttamente all’addetta della Reception.
Sempre attraverso il personale della Reception viene recapitata agli Ospiti la corrispondenza in arrivo.
Richiesta di documentazione e informazioni
Presso la Reception è possibile ritirare la modulistica per richiedere la certificazione o eventuali referti clinici di cui
l’Ospite o il familiare necessitano. I tempi di attesa per il rilascio corrispondono a quelli previsti dalla normativa vigen-
te. La copia del fascicolo socio-sanitario viene rilasciata solo dopo le dimissioni dell’Ospite dalla struttura, secondo
quanto previsto dalla vigente normativa in materia di protezione dei dati personali. I costi per il rilascio della docu-
mentazione sono di € 50,00 per cartella clinica e di € 60,00 per la compilazione del certificato d’invalidità.
Uscita dalla struttura con i parenti
Sono consentite le uscite degli Ospiti con i parenti solo se ne sussistono le condizioni cliniche e previa autorizzazione
da parte del medico. È possibile compilare l’apposita modulistica presso la Reception.
Protezione Giuridica
In termini giuridici a partire dalla maggiore età una persona diviene in grado di esercitare in modo autonomo i propri
diritti e di tutelare i propri interessi patrimoniali e personali. Non tutti però riescono a raggiungere questa autonomia e
molti la perdono nel corso della loro vita. Per queste persone il legislatore ha introdotto con la Legge 6/2004 l’istituto
della Protezione Giuridica. L’istituto prevede la nomina di un Amministratore di Sostegno (in genere individuato in un
familiare) che si affianca alla persona fragile sostenendola nelle decisioni che riguardano la salute e il patrimonio,
salvaguardando principalmente il suo interesse. Il procedimento di nomina dell’Amministratore di Sostegno non
richiede l’assistenza di un legale (come invece è previsto per la nomina di un Tutore) ed è gratuito. Per ogni informa-
zione ci si può rivolgere ai medici, o all’Ufficio Accoglienza della struttura.
Decesso
Nel limite del possibile si cerca di avvisare in tempo i familiari in merito all’evoluzione delle condizioni cliniche
dell’Ospite. Se le condizioni sanitarie dell’Ospite dovessero aggravarsi, i parenti possono su autorizzazione della
Direzione, restare in struttura anche nelle ore notturne. Il decesso viene comunicato dal medico di turno. La salma
viene composta nel locale apposito (camera mortuaria). La vestizione della salma non può essere effettuata dal
personale della Residenza. È compito della famiglia affidare il servizio funebre in base alle proprie scelte e deci-
sioni; la struttura mette a disposizione dei familiari tutta la documentazione necessaria per legge.
Polizza assicurativa
Il gestore della RSA ha provveduto a stipulare giusta polizza assicurativa secondo quanto previsto dalla normativa
vigente.
Revisione Carta dei Servizi
La Carta dei Servizi viene aggiornata annualmente ed ogni qualvolta sia necessario apportare delle modifiche
alla stessa.
Info utili
Comune di Tora e Piccilli
Indirizzo Piazza Umberto I, n.1 - tel. +39 (0823) 92 42 27
Polizia Municipale
Tel. +39 (0823) 92 42 64
Farmacia
Via Via S. Rocco, 26
Tel. +39 (0823) 92 46 01
CONTATTI
VILLA GIOVANNA HOSPITAL
Via Vicinale Stazione
81044 Tora e Piccilli (CE)
Tel +39 (0823) 924 558
fax +39 (0823) 924 441
email: info@villagiovannahospital.it
www.villagiovannahospital.it
VILLA GIOVANNA
Via Vicinale Stazione
81044 Tora e Piccilli (CE)
Tel. +39.0823.924.558
info@villagiovannahospital.it
www.villagiovannahospital.it